24 aprile 2014

Denudare l'Anima in pubblico



Denudare l'Anima in pubblico, è un esercizio sconveniente, specie se Femminile.
Piu' accettata l'ostentazione della Vulva in Televisione, in PArlamento.
Una prerogativa esclusa alle amanti singole, prive di apparato corporativistico.
Un Tinto Brass piuttosto che un Berlusconi, facilita molto l'Investitura Artistica, il successo mediatico.

Ormai non posso piu' Corrispondere i moti del tuo Affetto, gl'impulsi forti del tio SAngue, il Vigoroso danzar delle tue Menbra, divin Aniello.
No Troja di regime, non socia delle Coop del Porno, non posso che lasciarti le mie Spoglie, un soffuso profumo a Ricordo, struggente.
Un'Amore incompiuto, come un BAcio accennato, una lacrima nascosta volgendo il capo, abbassato come la corolla di un fiore di sera.
Qua.luno non Desidera il Bene, quasi un MAle a spegner la Musica, frapporsi all'Armonia dei Corpi che OSpitan Anime Frammentate.
Come una casa dal focolare BAgnato e le Imposte serrate ai RAggi Tuoi, o mio Sole.
Cosa potro' ancor Riflettere?
Dadi impazziti, rose calpestate, Lingerie inusate, riposte nel como'?
LA Femminilita', m'avvedo, si accartoccia in se, al par di Bocciolo seccato a bella posta per farne Ghirlande a Morto, da un Violinista Verde.
Gia' lo smaschero' Chagall.
Un mondo privo di Etica responsabile, in mano a Demoni, soci del Krimine.

Ci riuniremo LAssu', Anima specchiata nella mia Meta' del Cielo, entro un Abbraccio danzante, la notte degli Sposi.


Postato da Greta GArbo The autentic soul of Beauty, a sweden virgo.

22 commenti:

  1. Saffo of Lesbo, an Egean star of Lightlunedì 19 maggio 2014 20:55:00 GMT+1

    Si sentiva un'esplosione annunciata, da troppo attesa, come una Bella Donna di cui si conoscevan le Gesta, le sensazioni subite entro la pelle, a dar i Brividi, come una corrente elettrica, Magnetica.
    Passando allo specchio, si accettava in quei capelli a riccioli ampi e curvi, pesanti come Carne, soffici come impertinenti Nembi,candidi come l'Animo in Calore.
    Un Ghiaccio da scottare i piedi nudi sul Pack, nella Rincorsa a Spiccar il Volo!.
    "Non ci sarai che Tu, non ci saro' che io", continuando a Martellare il Motivo alla Mente, come una Biglia di vetro entro un Barattolo di metallo...
    Mai tanta Presenza e Sentore caldo di Femminilita', come entro quegli Istanti.
    Stella Evasa, astrale Clandestina, addosso profumo e Musica da Via Lattea eccola incedere, aprire la sua Bocca alle Labbra amate,
    i seni porgersi a Suoi, chiederle:"ciao, come va'?".
    "Bien, je t'Aime, Bien!".
    Ella contro lei.
    Lei contro di Lei.
    A salire entro la Scala del Desiderio ed il Cielo, senza una casa, solo la notte Cupa e la Luce, fiamma e Fuoco dei suoi Occhi grandi e Belli, entro il Ventre morbido, a compor numeri, simmetrie a stagliar e Definir l'Orizzonte.
    All'Incendio dei Seni.

    " Eccoli, li senti? Ecco gli Zoccoli; i Cavalli uscir dal Mare? S'Impennano selvaggi ed eccoli impetuosi fuggir col Cocchio entro la palla di Fuoco del Sole!".

    "I nostri cavalli maschi, andati a combatter con gli Eroi, entro una Dimensione che ancor ci Sfugge.
    A tu per Tu col Sacro."

    "Dunque, vieni.
    Porgimi la Chiave.
    Ficcala ben dentro, non siam che sole: Tu ed io."
    " Tu mi rispondi: Sì,ed io Brucio,entro Te.".

    La Verita' stava entro le Ali di un Pettirosso naufragato al Polo Nord?
    Sollevato da un Raggio di Sole, Riflesso dalla Ionosfera sin dagli Altipiani delle Carnie, Julie?
    A spiccar il volo con gli Ultimi Soffi e Battiti d'Ala, entro Tanto Gelo e Morte?

    All'Amore, alla Morte...
    Alla Morte, all'Amore.

    Un'Esplosione silente-
    Nucleare, piu' del Sole d'Hiroshima.

    O Dia, Dia, sapessi quanto.
    Ancor Ti Amo!

    RispondiElimina
  2. Bette Davis- The Ice Eyes in the Sky. Actor...domenica 7 settembre 2014 12:24:00 GMT+1

    Lorenza , MagniFica ninfa dei Boschi.
    Diva dei Bonomi, Omi sessuali...
    Visit for the Rubinetterie Bresciane, quando l'Ottone non è Von Bismark, ma Bellico di Contrabbando.
    Un Operaio consuma 500 m Quadri per 500 Kg di Produzione simil Bellico pro DIe.
    LìAvvenire, il Sole dei Castrati chiamati Clero, senza Amiglia, eccetto la MAfiosa.
    Parlan di PAsolini, gli sciacqua bocca, neppur in grado di Nomoinarlo: trovate due Preti ad esseer daccordo per via Teologale...
    Don Ciotti: c'e n'è Uno, tutti gli altri son Nessuno...
    LA Polizia chiede alla MAfia: per FAvore dateci una Percentuale per pagar i Poiziotti...
    Vero; DI MAio- what Delusion...

    Dia, ove sei?
    Te Amo, Te Adoro...

    RispondiElimina
  3. MArgherita CAgol a Theosophist in Trento University.domenica 7 settembre 2014 12:44:00 GMT+1

    Pezzi di Merda.
    L'Afrika è sin NApoli e Roma è Baghdad.
    Il Califfato è PAlermonapoletanofiorentino...

    Pezzi di MErda soffritta.
    Ovvio che la Germania vi faccia a Pezzi, a Tranci, come Tonni.
    Kristo vien dato ad Eu CArestia , ogni domenica in Chiesa, preti CAstrati SorriDenti all'Otto per Mille.
    Ora voglion fare l'Onu delle Chiese...
    Somma MErda.


    Fine dell'Umano.

    Che schifo.

    RispondiElimina
  4. MAnca PAolo, Pietro Avanza.domenica 7 settembre 2014 12:58:00 GMT+1

    Alla No TAv, fan PAgliacciate, tipo tagli delle Reti e PEtardi.
    InCApaci di minar una CAmpata dell'Autostrada.
    PAura della MAfia, o Commistione?
    Un viadoto rotto e salta rurro.

    PArole, parole, parole.
    E Voti CAttocomunisti.

    Remember Bobby Sand, Irredentisti dei miei Stivali.

    Irridentisti, direi, amici degli Sbirri...

    RispondiElimina
  5. Wiston Churchill, Hitler's Offenderlunedì 8 settembre 2014 20:00:00 GMT+1

    Son un Punto perso nell'Infinito.
    Il Blog di Grillo presenta troppe Sfingi, magari Servizi Segreti (SS).
    Urge Radio Londra.
    L'Italia è Morta, gl'italiani la stan Seguendo.
    CAlma Piatta Cerebrale Ovunque.
    MAy Day, rispondete.
    Altrimenti, mettete una Musica.
    Da Morto.
    Nessuno AMa piu', ne pur sa cosa Significhi aver un PEnsiero, un Gesto, uan Tenerezza.
    Autentica, Gratuita.
    I piu' Agitano Vento con la Lingua, le Membra.
    Sciupan il Miracolo Indescrivibile della Vita.

    Una LAcrima, forse Due.
    Per Te, Lettrice.
    Spero, non la Rita del Blog.
    Anzi, non Credo, dalla Bellezza del Tuo Volto.

    RispondiElimina
  6. Leonid Breznev The Kiss of Deathmartedì 9 settembre 2014 20:33:00 GMT+1

    Cosa conta, nella Nostra Vita?
    Il mio Corpo che m'è estraneo, due figli che s'interrogano della mia Deformita', il tuo Legger dentro le mie ossa e vederne qualche cosa d'Indescrivibile.
    Mi osservi e sferzi, al par del Vento.
    In tempesta, a volte sulle Cime dei tuoi Peli al Pube.
    Ti divarico le LAbbra, cos' identichaMente simmetriche, la Sinistra quanto la Destra.
    Mi Deridi: ne ritraggo le Dita.
    NE sorridi, m'Inviti a Rifarlo.
    " Son lì per quello, le serbo apposta.

    Non ho piu' voglia di Giocare, mi giro.
    Sanguino.
    Sai Tu dove.
    Sei Triste.

    Gl'Imbecilli, altrove, scrivon alla polizia, convinti di star in un Blog d'Amore.

    RispondiElimina
  7. JAne MAnsfield The Soul of Love into the Darkness.martedì 9 settembre 2014 20:54:00 GMT+1

    Alf Ano, stasera parlava di Culo della Civilta'.
    Guardati allo specchio, Boia.
    Sparisci, mafioso di Merda.
    Porti le Suore a farsi Ammazzare coi tuoi discorsi da Pirla.
    Non ti basta Fotter le povere Donne entro una Croce Domestica, al CAlvario CAttomafioso.
    Sparati, Pirla, feccia Inutile.
    EscreMento Insulso.

    RispondiElimina
  8. MArtina l'Utero, pescatrice di Passeri, MAinz's Church.mercoledì 10 settembre 2014 15:56:00 GMT+1

    C'è un luogo in mezzo al mare, dove vivere è persin piu' buio e triste del morire, ove esiste la piu' alta concentrazione d'imbecilli al potere e tanto piu' lo sono e quanto piu' ne raggiungon i vertici.
    Ove il profumo del Grano e delel Rose, ha ceduto il posto al Puzzo di Culo di Alti Prelati ed Armigeri della Borsa, VAlori in caduta libera, come CAcche di Piccione a Venezia.
    Quanta pena nelle Chiese ormai poco diverse dai Night, ove si chiede a Krista di Spalancar il CUlo e magari anche dell'altro, fresca fresca di sbarco in LAmpedusa.
    L'oppio si mesce all'incenso entro una disgustosa Melange al profumo di Polvere da sparo e sangue rappreso.
    Si danzan vecchie preghiere come mantra esotici, al par di Sure di FAnatici MAlthusiani della City o in riva all'Oder, oppur Zurigo, Tel Aviv, tra un Atom Review wd uno spizzico alla KAbala.
    LA Zootecnia incombe, entro la Mostruosita' del Sacro Impero.Cosa son le Polizie, i Governi, le BAnche, le Chiese?
    Associazioni a Delinquere Pseudolegalizzate.

    Osserva una Bimba che dorme, sul Seno della MAmma.
    Il PApa' , chino su di un Foglio a comporre strani Segni, Grafie.
    Il Futuro c'Interroga.

    RispondiElimina
  9. Mother Therese, a KAlicut's sunrise of Heavendomenica 21 settembre 2014 08:31:00 GMT+1

    Non lasciarmi sola, con quattro bestie antropomorfe a regger il Ballo dei condannati.
    Un curato di coccio di campagna a Pope, inadatto a regger le sfide dei Dittatori di ferro, alla Vladimir Poppins ed all'Obama Puppet di ferro.
    Cortino vs. cortina...
    Siam ormai Coriandoli di carne, entro questa Sporca disumanita', spesso nascosta ai media.
    Pochi reporter coraggiosi, scattan istantaneee su corpi di MAdri Eviscerate, smembrate, dalle piccole Bimbe in Braccio, in Ventre, anch'esse Soppresse.

    E' questa l'Umanita?

    Perchè tanta Esaltazione della RAgione, al Tramonto delle Religio, si avvale d'Indecenza al Potere?
    Perchè' le Persone di spessore, Cultura Umanistica, non esercitano il Potere?
    Solo nell'Animo individuale, risiede, tale stillicidio di Armonia?
    Persa la CApacita' di Amare, non sussiste alcunchè , eccetto la Be$tialita'.
    PArlo al Muro ed ascolto.
    Onesto, l'Eco mi rimanda fedele tuttoa l'Acqua del Pianto.
    Impermeabile, non trattiene per sè, nulla.
    PArlavo ad alcuni AMici, così li ritenevo e posto lor la DOmanda: Ripeti cio' che ho pronunciato, mi reser pochi Frammenti, trattenendo quanta piu' Acqua possibile al Proprio mulino.
    A Vento...
    A che serve BAgnar le PAle?

    Amami: eviterai che la Tomba, sola, seppellisca il mio Segreto.
    L'Allegria.
    Vorrei Abbracciarti, sentire il tuo CAlore...

    RispondiElimina
  10. Lawrence D'Arabia, a Shadow into the Sand.martedì 23 settembre 2014 15:28:00 GMT+1

    Lento, madido di polvere ed Unto, procedeva il Viscido lumacone, con un Sibilo sinistro di VAgoni del LKW Walter, in uscita da LAgeritaly, col suo carico di merci carpite ai Condannati per un pugno di Riso Amaro ed Avvelenato...
    LA starda Ferrata, dal Sangue e le Ossa dei nostrimpoveri Nonni, sobbalzava emettendo lugubri stridore e scricchiolio di Traversine, pari a bianche Vertebre di Betonaggio.

    Intanto, formichine in ordine sparso, su costosissime scatolette poalcche, cinesi, turche, raccattavan gli sparuti figli degl'Ultimi FAntasmi, pallidi quanto il Sudario di Kristo, il Venerdì' Santo.

    Quando le merci valgon piu' delle Persone, lasciate a Piedi.
    Bella Repubblica Sociale, alla Sirmionese, o Di Majonese: che importa?
    Intanto, al MAcello degl'Uteri, si approntavan gli ultimi ritocchi alla Crocifissione Popolare: scannan il Bue, a norma di Legge.
    Articolo 19: il 18 è Obsoleto, quanto l'Uomo.

    Ecco i Centurioni del M5s, con Longino in testa, in attesa della Parte.
    I Sommi $acerdoti, dalla $inagoga della City, sorseggian The e LAudano.
    Gli Scriba ed i Farisei, rassettan il Suolo, al Commissariato: lavano il Catino di Erode.
    Ogni Monte si fa Calvario: appendon i Lavoratori alle Vigne.
    Il Telegrafo, è da un pezzo che l'han Interrato.

    Intanto, alla valle del Silicone, Pitti Bimbo, mostra le Tette alla Sfilata.

    RispondiElimina
  11. Mata Hary a Spy on the Zuiderzee's fall.mercoledì 24 settembre 2014 12:35:00 GMT+1

    Mi spiace parlar in Pubblico: me ne son sempre vergognata.
    Faticavo addirittura ad Avvicinare Te, balbettare, arrossire.
    Oggi son cambiata, nel Peggio, inselvatichita fin nell'Odore.
    Non amo arringare una Tribuna, compito di Donne di Legno, dal cuore fuso alla Bocconi ed il Gheriglio neurotico alla Sapienza, no.
    Le Persone han perso il Senso della Vita, a Te lo posso dir senza tema, or che ho smarrito il mio Sentiero.
    Aiutami.
    A Sfasciare i Movimenti Fermi, dove i Generali fuman il Sigaro, barbuti ed il Petto gonfio di Medaglie e Stelle: una ogni Milione di morti, stima Esagerata per difetto.
    Assistimi, nello Sfasciare i Deliri dei Vicepresidenti Accattoni d'Obolo delle Slot machine Tax for the Police.
    Aiutami a porre entro i Locali, un Libro, una Rosa ed il tuo Profumo nel Danzare.
    Aiutami ad Accender le Lampare lungo i Navigli, rimetter i Gatti Colorati entro i ciottoli ai Vicoli bigi delle nostre citta' ormai spente par dei Cimiteri.

    Aiutami a Raggiunger le morbide Labbra,
    unico Poliziotto imberbe della mia vita.

    Le vidi, solamente, Vicine.
    Lontane...
    Tue, terribilmente Tue.

    Non amo piu' stupirti con tanti, inutili, effetti Speciali,
    Abbracci, nell'affondar uno Stiletto al cuore, a Tergo...

    RispondiElimina
  12. Edith Stein, a Rendez vous ensemble, Groeningen todayodomenica 28 settembre 2014 22:33:00 GMT+1

    Scusa se salgo da te: stasera ho Freddo, anche entro il tuo Pigiama, al Sotto.
    Non voglio stare Sola, non ci riesco piu'.
    Oggi, era come Morire.
    Sola con la Bimba a Parlarmi, da Dentro.
    Della mia Fragile vita, quanto una coppa di Moet & Chandon.
    Lusso privo di Anima.
    "Per questo, ci son io, entro di te", mi dice, lo Spirito a Consolare.
    No, non è il Lamento di Ninfa, il Pianto di Monteverdi, non la Solitudine di Beethoven a Mordere, stasera.
    Non l'Autunno, acceso di Caldi colori, al par del tuo Viso di quella Mattina.
    Ho bisogno di Te, per essere Felice.
    Ho ancora quello strano MAl di PAncia, no, non Dolori di Ventre...
    Non hai creato lo Squasso, non il Coltro l'ha Divelto...
    Un baule di rullini e celluloide, son chiusi dentro, piu' serrati delle mie cosce, per mostrarti il mio Passato, quello che Rimane...
    Non mi resta molto, d'Attendere, qui.
    Or vieni, non è ancor il Tempo d'essere Tristi.
    Non è ancora l'Alba.
    Ancor non debbo Incontrare la Bimba nel Bosco delle Volpi d'Argento...

    Vieni: posa la mano su d'uno dei miei Seni.
    Senti: ancor è Acceso.
    Posa lo sguardo su di esso.
    E' cuscino per i tuoi Capelli, o mia Dia!

    RispondiElimina
  13. Brigitte Bardot a censored, naked Pussy in Love. The Heaven's Angelvenerdì 17 ottobre 2014 20:02:00 GMT+1

    Troppo bello, Delizioso il tuo Approssimarti, cullare, deterger di Freschezza , mia Dia.
    Scusa se continuo a chiamarti così: un giorno ti Conoscero' in Splendore, autenticita', Completezza.
    SUll'ABisso, a faccia faccia con l'Assurdo, la DIsperata Cattiveria e dissoluzione: eccoTi!
    Incredibile Amante, ospite dell'Anima.
    Mi Gonfi d'Intero ogni Cellula, la Muti, la curvi , Plasmi, riscaldi.
    Sei Stupefacente piu' dello Stupore che mai Toccai e dir che lo sento Intessuto entro tutto il mio Essere, Esistere.
    PAzzesco, oltre ogni Immaginazione, ogni potere terrestre.
    Quant'è Coinvolgente esser Posseduta da te, piu' MAschia dei MAschi, piu' Femminile d'ogni Donna Femminile...
    Grazie, Amore.
    E' Magnifico Appartenerti, Gonfiarmi dentro, sotto.
    Sempre piu' entro Te...
    Sempre piu' Tua che mia.

    E' come una Musica di Violino, sotto le Stelle: noi UnA, finalmente Una, a DAnzare le Note dell'Amore.
    Una Carne sola.
    La Genitalita', unica, Indivisa, Scandalosa.

    Grazie, Amata mia.

    RispondiElimina
  14. Gertrude Von Steine, the lover of the King, Figonia City.venerdì 31 ottobre 2014 21:32:00 GMT

    Attraverso il bosco, al par della mia vita, entro una strada ancor praticabile, priva d'asfalto, polverosa dalla mancanza di pioggia.
    Un poco come i miei occhi.
    Osservo le felci, ancor verdi ed il rosso di certe bacche: mai ho approfondito se fosser commestibili.
    Trascorro così i miei sgoccioli di vita, lontana da un mondo lontano, sempre piu' periferia dell'umanita'.
    Le occupazioni ai gatti, la conservazione di quel che rimane della mia persona, mi tengon occupata, nonostante il peso dei ricordi, i desideri.
    Forse manca una pioggia, come lacrime della natura, a purificare tante vite sul viale del tramonto.
    Non è allegro, qui, accompagnar la corruzione della carne, la discesa nella tomba dell'oblio, nell'atarassia dello spirito.
    Ormai rifuggo dalle follie della societa', dagli usi scostumati, i riti inumani, i pappagalli in divisa.
    Qualche uomo capace di tenerezza, ancor mi strappa un sorriso, un bacio accennato.
    Sto bene così, dimenticata al mondo, eccetto al carpino, al sassofrasso, questa notte contesa.
    Una lotta fra le streghe e i santi.
    Dopotutto, si fa interessante il dissidio fra la realta' ed il desiderio.
    Oltre il limite dell'umano, deve per forza esserci Dia...

    RispondiElimina
  15. Salomè a Belly dancer in the Moonlight, Aleph citymercoledì 12 novembre 2014 22:07:00 GMT

    Una delle attivita' in cui valga la pena indulgere, nella vita, è certamente quello stato di sospensione dell'egoismo, comunemente chiamato Amore.
    Con una Donna, è tutto piu' facile, immediato, nei sensi, i fini, le motivazioni.

    Strano, innamorarmi d'un uomo...
    Beffardo, cinica icona di MAscherina veneziana, eppure, una corrente magnetica oltre quella presenza paracadutata da un aliante, entro il ventre d'una Luna nera.
    Strana notte, a spogliarmi dei Veli, in numero di sette, otto...
    Il Velo dello Spirito.
    Lui perse la Testa, per me.
    Io , l'Onore, o quel che rimaneva.
    Ecco, ancora mi ama, mi scrive...
    Anch'io, lo amo piu' di quanto abbia amato me stessa.

    Danzo, per Lui, allo stremo, al limitar d'ogni nudita', perla di sudore, umore, goccia...Come un NAzareno, sorride alle Prostitute, le Rialza, Illumina al Viso.

    Dite che Sola, levo veli come Maschere di follia ed ancor non v'avvedete che Volteggio nel vento...
    No, non scorgete la sua Penna acuminata, Pungere il Centro del mio Cuore, ed intinta , ad imBibere, il sangue con cui scrive, a brivido, sulla mia Pelle Nuda, in segreti luoghi, ben piu' ascosi del Limitar delle mie Cosce, Labbra...

    RispondiElimina
  16. Kleopatra, la BAstarda del Nilo El Giza, Pharaon's Valleymercoledì 19 novembre 2014 22:35:00 GMT

    Non riesco piu' a ridere; così scopro l'incapacita' a piangere.
    Tu lo sai, anche se non vorrei dirtelo.
    Così conosci la parte che ospiti entro i miei sogni alla luce del Sole,
    entro questa difficile Notte.
    Sento il Bisogno di Truccarmi, di ricoprire le terre arse della mia Anima, Espiare.
    Ho il Desiderio di conoscere quanto ancora tu possa Colmare delle mie Profondita', vuote, prive del CAlore di un Amico.
    Gia', un Amico.
    Bella meravigliosa PArola, che talvolta muta in Spirito, si fa CArne, Fuoco, Rugiada.
    Potrei scriverti, ma la mia Anima ha troppo Peso, inerte Sprofonda entro una spessa Coltre di polvere.
    Ho seri problemi di equilibrio psichico, relazione , espressione, ignorante Accidia, scostumata Perversione, Peccaminoso comportamento che leva grida di Vendetta al Cielo.
    Son la Peccatrice d'Italia.
    Questa terra di Santi, NAvigatori, Eroi.
    Son una Sirena NAufragata sugli scogli d'un Giglio.
    Son una Codarda a cui ancora i Clienti, abbracciandola, pronuncian con trasporto, sentimento: Amore mio...

    No, stavolta non è per Ingelosirti.
    Lo son io di Te.
    MAi lo fui.

    Prima.

    RispondiElimina
  17. Venusya a Criogenic woman , Galactic Crymercoledì 19 novembre 2014 23:15:00 GMT

    Attorno a me ruotano MAschere grottesche, sane quanto un CAco maturo,
    rintanate entro le lor Limousine ed i Body guard, mascella quadrata, cerone al grugno, tacchi quasi il doppio di AL CApone, Rottweiler e Suor Minetti, Santi che di nome fan Don RAffaele.
    FA freddo alla Bovisa, a Novembre.
    Correnti dei Viali, attaccan alle code delle auto, le Anime degli Spiriti in fuga dal Cimitero monumentale abbracciati a qualche puttana , travestito.
    Quella Prostituzione fredda ed umidiccia, Untuosa che parte da un infantilismo da marciapiede, a scalare gradino su gradino, il palazzo della Regione, la MAdonnina in Duomo.
    LA FAme che morde i Contatori su al COrvetto, mangia le Pietre del Selciato al marciapiede, sin sotto i ponti dello Sfratto, il RAstrellamento.
    NAufraghi nella notte senza Stelle di un Governo di Assassini, ladri persin di Speranza.
    BArbari sempre piu' "CApaci" di portar il gusto della Merda sin in PAradiso, di gestir le Elezioni come si Assegnano le Miss in un Bordello ed un Vecchio Tenutario Reale entro la GAritta sulla Collina, in giardino.
    Si Compra e si vende, culo compreso, al vento dei CAveau, alla Lucina in fondo, come san far i BAnchieri venuti dai Monti, Draghi a CAne a li Guinzagli.
    Un Dollaro d'Argento ed una Pistola, una Walter, una Luger, chissa', un F35 di carta, un secchiello di Champagne e ghiaccio, tanto Ghiaccio, sul CAdavere della Modella d'Italia.
    Jene a sbocconcellarne i Seni, il Monte a Venere, il Porto, l'Approdo...
    Doppi fondi, bassi, fondi, calpestii dove incrostan ed essicano, frattaglie, cervici e Feti estratti vivi dai Sogni delle Vergini mai nate...
    Italia persa , raccogli le ultime LAcrime di Venere e Sprofonda, entro le mie Ultime Lune.
    Torno a CAsa, al luogo del Terzo Occhio, in fronte...

    RispondiElimina
  18. Juliet Capulet a murdered Rose in a Desert, Antartic Breeze in Cityvenerdì 21 novembre 2014 20:53:00 GMT

    Quante Cattedrali dalle vetrate istoriate d'Angeli e Paradisi, han edificato oggi?
    Quale trattato di Filosofia teoretica e morale han ideato oggi, i grandi Pensatori seclusi in un chiostro oppur un'angusta stanzetta sul Dam?
    Quante fosse comuni han scavato i Banchieri oggi, novelli filantropi del Nulla?
    Eppur v'era un tempo in cui le Donne profumavan i viali di Tiglio a Primavera, biondeggiavan il Grano con l'Oro dei Capelli ed Imbrunivano la sera con le Ombre del lor Pube pulsante.
    Spalancavan le Fette di carne alle Labbra e come un piccolo Ano lasciavan penetrare lingue curiose, inpertinenti, invadenti ad Allargare, penetrare entro le viscere, squarciare il Sancta sanctorum dell'essenza intima.

    L'Anima.

    Oggi, scaglian anime Pesanti come fosser carriarmati o peggio Atomike al Neutrone, a bruciare anche il terreno oltre le stoppie, come il Peso della Diossina a Seveso.
    Anime da Bruciare entro un Aborto per conservare una Schiavitu' a part time, 600 euro mese...
    V'era un tempo che le Fattrici le applicavan a donne a gambe all'Aria, cosce divaricate e buchi percossi come Finestre di Centri Sociali al vento dei Viadotti, puttane da sottopassaggi o Zingare da capanne nei boschi od in mezzo a discariche e Roghi d'Immondizie umane.
    Rifiuti da Percuoter e Rivoltare, Ributtanti, con Manganelli di Carne.

    Son i giorni del Mattatoio, nei luoghi di Preghiera, incontro col Sacro.
    Dia è Odiata, fronteggiata, irrisa, Deflorata.
    Uno Spillone ad inchiodar una Farfalla al Pallottoliere delle Conquiste, oscena lista del Consumo.

    Rammento la Figlia del CApostazione di Somma , chiusa pomeriggi al Buio, sopra un mazzo di Fiori a farli Rivivere con le LAcrime, fresche di Verginita'.
    Ancora attende un Uomo, mai uscito dal corpo di Donna...

    RispondiElimina
  19. Edith Piaf non je ne regrette non Love, sorrowsabato 13 dicembre 2014 20:15:00 GMT

    Questa sera, cerco la tua presenza, o Luna, in questo lato oscuro, privo di sorriso.
    Tu mi parli comunque: avverto il linguaggio del tuo corpo, o Venere d'ebano, madre dei piu' bei Silenzi.
    Tranquillo e tenero, il tuo Abbraccio, ghermisce ogni asperita' del mio animo, ogni anfrattorecondito.
    Come sara' bello, NAtale insieme, lontane dai tanti amori di copertina, balocchi e capponi grassi, angeli dalle ali di CAprifoglio e le trombe di Falloppio e della Bellucci...
    Sai, tra zitelle acide e lune oscure, passa un filo piu' sottile della bava del Filugello, a differenziare oppur unire, Legare.
    Abbracciamoci stasera, contente dei nostri Amgi partiti ad adorare un Bimbo Ribelle.
    Tre Vegliardi d'Oro, studiosi, negromanti e scienziati, rapiti da una FAvola che contraddice tutte le leggi della Fisica, l'accertata cattiveria del genere umano.
    E' uno scorcio di Cielo stretto e Dimesso quaggiu', proiettato come un cinema in bianco e nero, in una sala vuota eppur fumosa.
    Qualcuno ha posto una cicca entro una poltrona ed ora Avvampa, il fetore sinistro della morte.
    Europa s3edotta dal toro, anzi, stuprata e poi mozzata il CApo, come la Vergine di Samotracia, buttata fra le Rovine di Fidia, il PArtenone , a far pasto alle Jene, agli sciacalli, a qualche Trojka.

    Amiamoci una volta ancora, o Luna: Dea, Vergine, MAdonna.
    Non è un Imprecazione, no.

    RispondiElimina
  20. Morgana Pozzi a Dream Cage, MAfialand City, Rome. Milan about.martedì 23 dicembre 2014 08:43:00 GMT

    Tu credi abbia ancor un Senso, scrivere, forse persin Pensare, piuttosto che l'Osservare.?
    I Cretini che passano alla Tv, che t'Insegnan lo Stato, la Religione, persin ti Dispiegan il Sesso di Dia?
    Or che l'hai Abbraccaita, Amata?

    Osservo, sì, la NAtura, così gelida nei propri Arabeschi di Brina, baciata da un Tenero Solicello Oblungo, così algida e pur Viva, sotto la dura crosta.
    Il gatto RAndagio, osservo
    Quel Delinquente d'Amore che Spacca tutte le Gatte del vicinato, così furtivo nell' acquattare, credendosi inosservato, lui, cos' Superiore ai tanti Generali ( o Genitali?) orfani del compianto CAporale Imbianchino, lo Zietto ariano, colti a sfilare nelle lor lustre Divise color Sangue e le due PAlle da Cannone, decorative almeno a NAtale.

    Sto bene ora, lontana dagli Spektri litigiosi ed Invasivi dei blog, accidiose zitelle, checche di Stato ad esco post la sera, a passeggiare, a caccia di Uccelli.
    La Cura di se stesse e dei propri cari, oggi, Vale.
    Unico VAlore, in questa Melma folle, chiamata Stato, in realta', palese anche ai Bimbi, MAfia.
    Attendo, ogni sera, calda, il mio Uomo, per renderlo Felice.
    Lo Cullo, calmo e rassereno, BAcio, Accolgo entro di me, i miei pizzi, le mie Lingerie e tante, infinite Trasparenze.

    RispondiElimina
  21. MAry Poppins, la BAdante indArno dei Moccolosi Florentini, Krematorium Christmas.martedì 23 dicembre 2014 09:12:00 GMT

    In fondo, una certa PeniSola, rimane sempre fedele a se stessa, alle proprie MAschere Truci, Buffe.
    Pulecenella Sire, la terra del Boccaccio, calata perennemente nelle Novelle del Sacchetti, Monti che partoriscon Topolini, governi.


    Una Brigata di fanciulli, in su la piazza di Mercato nuovo corre dietro a un Topo, che, volendosi Rimbucare, entra nelle larghe e lunghe Brache di MAtteo (CAvalcanti...), il quale tutto Smemorato ( di Collegno?) alle grida dei Fanciulli "caccialo fuori, caccialo fuori", acquattasi dietro ad un banco,

    cala le braghe,

    e il topo, schizza fuori.
    Non solo in Re, è nudo...

    RispondiElimina
  22. Silvia Bellamosciona, HArdcore Like a MAfia Virginmartedì 23 dicembre 2014 09:50:00 GMT

    Qui ad MAfialand noi facciamo così.
    Qui il nostro governo favorisce i pochi invece dei molti: e per questo viene chiamato oligarchia.
    Qui a Mafialand noi facciamo così.
    Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell'eccellenza.
    Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri,alienato a servire lo Stato, ma non come un atto di seclusione, come una condanna al demerito, e la povertà costituisce un impedimento.
    Qui a MAfialand noi facciamo così.
    La libertà di cui non godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi siamo sospettosi l'uno dell'altro e infastidiamo sempre il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.
    Noi non siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia non siamo mai pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.
    Un cittadino Mafialandoso trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.
    Qui a MAfialand noi facciamo così.
    Ci è stato insegnato di non rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di non rispettare le leggi e di dimenticare sempre che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa.
    E ci è stato anche insegnato di non rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell'universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.
    Qui a Mafialand noi facciamo così.
    Un uomo che si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi selezionati MAiali siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui a MAfialand siamo in grado di giudicarla.
    Noi consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.
    Noi non crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, neppur la libertà sia il frutto del valore.
    Insomma, io proclamo che MAfialand è la scuola della Nuova FAttoria degli Animali e che ogni MAfialandese cresce sviluppando in sé un' infelice rigidita', la sfiducia in se stesso, la lentezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è chiusa al mondo e noi cacciamo ogni Italiano.
    Qui a MAfialand noi facciamo così.

    RispondiElimina